Chiodatrici a groppini: perfette per i piccoli lavori

I groppini sono ben noti a chiunque lavori con il legno: si tratta di chiodi di forma particolare, con un corpo molto sottile e una testa di piccole dimensioni, costruita in modo da sporgere da un lato per semplificare l’inserimento nel legno stesso. Esistono anche modelli completamente privi di testa: i groppini sono infatti dei chiodi da finitura, che possono dover risultare pressochè invisibili. L’utilizzo di una chiodatrice apposita, anziché di un martello, può rendere l’inserimento dei groppini più rapido e semplice.

I modelli di chiodatrici per groppini disponibili sul mercato sono numerosissimi, ma si possono dividere essenzialmente in due categorie fondamentali, in base al sistema di funzionamento: le chiodatrici elettriche e quelle ad aria compressa. Se le prime sono solitamente più economiche, è però indiscutibile che le chiodatrici pneumatiche per groppini siano molto più potenti ed efficaci nell’esecuzione della propria funzione; inoltre sono adatte sia a piccoli lavori che spesso capitano in una casa, sia all’esecuzione occasionale di progetti più grandi dove i groppini abbiano una mera funzione di finitura.

Dei molti attrezzi che vengono utilizzati nell’esecuzione di lavori con il legno, le chiodatrici per groppini hanno il vantaggio di essere probabilmente tra i più semplici, anche al primo utilizzo: è solitamente sufficiente assicurarsi di leggere accuratamente le istruzioni, e di praticare una sana cautela nell’utilizzo. Per il resto, una volta che si siano caricati i groppini delle giuste dimensioni, il lavoro si svolgerà praticamente da solo, con tanta semplicità da non richiedere neppure l’uso di morse; anzi, sarà tanto rapido da rendere consigliabile il tenere i pezzi in posizione con la mano libera, per guidare l’andamento dell’attrezzo in maniera scorrevole.

Le chiodatrici pneumatiche per groppini hanno però un limite, e questo è il cavo che porta loro l’aria compressa che utilizzano per sparare i groppini stessi nel legno: i modelli elettrici, decisamente meno rapidi e meno potenti, sono però alimentati a batterie ricaricabili, e non hanno perciò cavi. Se dovete lavorare in angoli difficili, dove lo spazio è molto ridotto, una chiodatrice elettrica potrebbe essere la scelta ideale; molti modelli moderni permettono, oltre ai groppini, di caricare anche punti metallici, ideali per il fissaggio nelle aree nascoste e negli angoli.

I groppini sono utili anche per altri piccoli lavori domestici con il legno, come la perlinatura delle pareti, o il fissaggio di stipiti e infissi: una chiodatrice apposita, in questi casi, permette di evitare il rischio di crepe o rotture del legno tenero che si avrebbe utilizzando un martello per battere i groppini stessi. La grande diffusione dell’attrezzo, e la sua utilità in un grande numero di situazioni, permettono di trovarne modelli a prezzi vantaggiosi per tutte le tasche, perfino online.